Dichiarazione IMU

La dichiarazione IMU deve essere presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta.

la dichiarazione IMU non deve essere presentata se le variazioni intervenute sono registrate con il MUI (es. compravendita di immobili).

Modalità di presentazione:

  • con spedizione a mezzo posta del modello di dichiarazione con raccomandata senza ricevuta di ritorno;
  • con consegna diretta all’ufficio succitato che restituisce la copia con la ricevuta;
  • con invio posta certificata all’indirizzo: protocollo@postacert.comune.berceto.pr.it
  • con invio posta ordinaria all’indirizzo: tributi@comune.berceto.pr.it

Per un’elencazione esaustiva dei casi in cui la dichiarazione va presentata si rimanda alle istruzioni per la compilazione della dichiarazione predisposta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Casi  frequenti per i quali si ha l’obbligo dichiarazione :

– immobili merce

– immobili da trattare con agevolazione “abitazione principale” nel caso di coniugi che hanno stabilito la dimora abituale e la residenza in due unità diverse situati nel territorio comunale.

immobili dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, le riduzioni vanno dichiarate sia quando si acquista che quando si perde il relativo diritto;

– immobili di interesse storico o artistico;

– immobile che ha perso o acquisito il diritto all’esenzione o all’esclusione dall’IMU (es COMODATO D’USO);

– immobili che sono stati oggetto di atti per i quali non è stato utilizzato il MUI;

– Aree edificabili Le istruzioni alla dichiarazione confermano che le aree edificabili devono di regola essere oggetto di dichiarazione, sia in caso di acquisto, sia in caso di vendita, sia in caso di mutamento del valore. Questo perché il valore di mercato del bene al 1° gennaio di ciascun anno è un’informazione che deve essere portata a conoscenza dei Comuni. Va inoltre ricordato che il valore dell’area fabbricabile deve essere denunciato anche nella diversa ipotesi in cui si è in presenza di un fabbricato oggetto di ristrutturazione. In questa eventualità, infatti, l’Imu si applica sul valore dell’area di sedime su cui insiste l’unità immobiliare.

– Fabbricati «D» Un’altra ipotesi di insorgenza immediata dell’obbligo dichiarativo riguarda i fabbricati d’impresa di categoria catastale «D», privi di rendita, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati. Per questi immobili l’imponibile Imu è pari al valore contabile di acquisto, al lordo delle quote di ammortamento, rivalutato sulla base degli indici ministeriali.

Scroll to Top