ESENZIONI

ESENZIONI

Le esenzioni devono essere richieste dai soggetti interessati, a condizione che questi dimostrino di averne diritto.
Le richieste devono essere presentate entro il 31/12 dell’anno in cui interviene la variazione e produrranno effetti dall’anno successivo alla presentazione della domanda, come da Regolamento approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72/2013.

Sono escluse dalla tassazione i seguenti locali ed aree:

  • i locali riservati ad impianti tecnologici, ove non si abbia normalmente la presenza dell’uomo (centrali termiche, cabine elettriche, vani ascensore, celle frigorifere, ecc.);
  • le superfici utilizzate per attività sportive per le parti riservate ai soli praticanti; resta salva l’applicazione della tassa per le superfici utilizzate come servizi, comunque non direttamente adibite all’attività sportiva;
  • le superfici e le parti di esse ove, per caratteristiche strutturali o per destinazione, si formano di regola rifiuti speciali, tossici o nocivi, allo smaltimento dei quali provvedono a proprie spese i produttori stessi in base alle norme vigenti.
  • Le superfici e le parti utilizzate come legnaie, stalle, fienili, depositi ad uso agricolo e simili;
  • soffitte e simili prive di accesso diretto ed agevole e limitatamente alle parti aventi altezza inferiore a metri 1,50;
  • balconi e terrazzi scoperti;
  • unità immobiliari prive di mobili e suppellettili e di utenze (gas, luce, acqua);
  • fabbricati danneggiati, non agibili, in ristrutturazione, purché tale circostanza sia confermata da idonea documentazione, fermo restando che il beneficio della non tassabilità è limitato al periodo di effettiva mancata occupazione dell’alloggio o dell’immobile;
  • i locali ed aree utilizzati per l’esercizio di culti ammessi nello Stato, con esclusione dei locali annessi ad uso abitativo o ad usi diversi da quello del culto in senso stretto.
  • i locali e le aree adibiti a servizi per i quali il Comune sia tenuto a sostenere le spese di funzionamento.
Scroll to Top